Consigli dall’audioprotesista per la cura degli apparecchi acustici in estate

Tempo di Lettura: 3 minuti
By
09/07/2018


Spiaggia da sogno con due sedie a sdraio 
  

A temperature molto alte, l’involucro di plastica degli apparecchi acustici può sciogliersi. Perciò non lasciare i tuoi apparecchi acustici alla luce diretta del sole – soprattutto quando non li indossi. Evita anche di lasciarli in luoghi che possono diventare molto caldi, come l'auto o il davanzale della finestra.

Gli apparecchi acustici di un tempo si danneggiavano facilmente con l’acqua. Quindi, se hai un vecchio modello, ti raccomandiamo di essere molto prudente. Ricordati di toglierlo prima di lanciarti in una lotta in acqua!

La maggior parte degli apparecchi acustici recenti, invece, sono certificati IP68; ciò significa che devono poter resistere a 1,5 metri sott’acqua per 30 minuti. Tuttavia, è meglio cercare di mantenerli asciutti perché l’umidità al loro interno può influire sui contatti elettrici della batteria, impedendo un corretto funzionamento degli apparecchi acustici.

In spiaggia è molto importante mantenere tutti gli apparecchi acustici in un luogo sicuro, asciutto e al riparo dalla sabbia. Se l’acqua salata penetra al loro interno, quando evapora può lasciare cristalli di sale che possono incidere sul loro corretto funzionamento e corroderli.

Se i tuoi apparecchi acustici si bagnano, è importante far prendere loro aria aprendo il vano batteria. Dovresti anche valutare l’opportunità di acquistare un apposito deumidificatore.

È sempre opportuno mettere una protezione solare d’estate, ma bisogna fare attenzione agli apparecchi acustici. Come molti tipi di plastica, l’involucro esterno degli apparecchi acustici può essere intaccato da alcune sostanze chimiche contenute nei prodotti cosmetici e per la cura della pelle.

Per andare sul sicuro, ti consigliamo di togliere gli apparecchi acustici quando ti spalmi la protezione solare e di rimetterli dopo esserti pulito bene le mani da ogni residuo di crema.

Le vacanze servono a rilassarsi e divertirsi; sentire bene può aiutarti a semplificare molte cose.

Ti consigliamo di portare con te tutto ciò di cui potresti avere bisogno per i tuoi apparecchi acustici.

Le batterie sono forse la cosa più importante da ricordare, ma i filtri anticerume: ne hai di scorta?

Gli accessori di cui potresti avere bisogno dipendono dal tipo di apparecchio acustico che hai. Qui puoi leggere di più sui diversi tipi di apparecchi acustici.

I concerti all’aperto sono una delle gioie dell’estate. Ma anche se la musica non è tra quattro pareti, il volume può comunque raggiungere un livello dannoso per l’udito.

Ricorda: se devi gridare per farti sentire dagli altri, il tuo udito è in pericolo.

Ed ecco un altro consiglio: fai pause frequenti da livelli sonori elevati per ridurre la tua esposizione continuativa.

Infine, valuta la possibilità di usare protezioni acustiche come i tappi auricolari monouso. Sono economici ed efficaci e si vedono di frequente perfino ai festival musicali più scatenati.

Poiché in estate si tende a sudare di più, in questo periodo dell'anno gli apparecchi acustici sono più soggetti a ospitare microrganismi fungini che proliferano nell’ambiente caldo-umido che si crea all’interno degli apparecchi.

La soluzione? Pulire periodicamente i dispositivi con salviettine disinfettanti che rimuovono tutte le spore fungine e li sterilizzano.

Per rallentare la proliferazione fungina può anche essere utile cambiare più spesso i filtri anticerume e le cupole.

Anche una buona circolazione dell’aria è importante, quindi di notte apri il vano batteria dei tuoi apparecchi acustici. Così entrerà l'aria fresca e uscirà quella chiusa, portando via con sé l’umidità.

Potresti anche valutare di investire in un deumidificatore per apparecchi acustici se riscontri la formazione di livelli di umidità elevati o se hai apparecchi acustici ricaricabili che non puoi aprire di notte perché devi metterli in carica.

La differenza di pressione dell’aria durante i viaggi in aereo può causare fastidio alle orecchie e alla testa. In genere, quando si ristabilisce un equilibrio tra pressione interna ed esterna, l’ovattamento auricolare scompare. Ma se ciò non avviene a causa di una congestione nelle orecchie o nelle vie aeree della testa, il fastidio può risultare molto peggiore. La congestione può essere causata da cerume, infiammazione o da un comune raffreddore.

Perciò ti consigliamo di assicurarti che il tuo udito funzioni correttamente e di farti controllare le orecchie se sospetti un tappo di cerume. E se hai problemi quando sei in aereo, prova a masticare una gomma o a succhiare una caramella per muovere la mandibola e aprire le vie aeree.


Commenti